User Tools

Site Tools


di_nuovo_tra_noi

Di nuovo tra noi

Una nuova esclusiva per gli utenti di Pier's Group, Conference 6.
++39-2-4500837 24 ore su 24, 300-14400 BPS V42bis.


 MF THE BEST Presenta:

        I   S E G R E T I   D I   T W I N    P H R E A K S   2

  O v v e r o :   H i g h l a m e r ,  l ' u l t i m o   i m m o r a l e


PREFAZIONE:

 E non fu il Diluvio Universale la piu' grande tra le sciagure umane, non
 la distruzione di Sodoma e Gomorra, non la rovina dei grandi imperi, non
 le Rivoluzioni. Non furono le guerre mondiali ne' le lotte tra classi e
 razze. Il genere umano stava per affrontare la prova piu' grande.
 Scienziati e teologi cercarono una spiegazione, ma l'irrazionale non si
 puo' comprendere. Era tornato per sconvolgere vite e per salvarne, per
 creare e per distruggere, per aiutare e per vendicare.


CAPITOLO 1: Di nuovo tra noi.
-----------------------------

 -  Seleziono' l'opzione di hangup ed usci' da SamNet per l'ultima volta,
lo sguardo spento e perso nel vuoto oltre lo schermo.
Dovettero sollevarlo di peso, schiavo di un'inerzia che sembrava rendergli
impossibile ogni movimento. Forse non capiva neppure cosa stava accandendo
intorno a lui, del crudele gioco di cui era divenuto involontario
partecipante e vittima. Tuttavia percepivo in quel ragazzo lo stesso senso
di orgoglio e dignita' per i quali lo avevo un tempo ammirato, nessun
avverso destino sarebbe riuscito a togliergli queste qualita'. Certamente
non i campi di lavoro della Divileader, che in questo momento rappresen-
tavano l'unica certezza nel suo futuro.
Saluto' con un gesto quasi impercettibile coloro che restavano. Nell'aria
la stessa domanda, che nessuno avrebbe mai fatto apertamente: "Per quanto
ancora?".
Con Timescape se ne andava un ottimo hacker, uno degli ultimi in attivi-
ta', ma soprattutto un caro amico. Aveva pagato ad un prezzo troppo alto
la decisione di trasferirsi a Twin Phreaks.
Anche questa volta avrei passato giorni a chiedermi come avessero potuto
scoprirlo mentre usava quel suo PBX da una linea talmente antiquata che
si diceva fosse collegata all'ultima ed unica centralina telefonica a
vapore nella storia delle telecomunicazioni europee. Insieme al contascatti
la SIP forniva come optional un manometro per controllare la pressione
della caldaia di rete. Chi mai avrebbe potuto tracciare quel collegamento?
Ma in fondo..... non era forse sempre la stessa maledetta storia? Come
avevano scoperto che era stato Poison ad inviare a tutti gli utenti di QSD
la foto digitalizzata dei suoi attributi maschili? Erano state le
misere dimensioni a tradirlo?
Troppe coincidenze per essere veramente tali. Ognuno ripenso' ai casi
precedenti. Nessuno fiato', ma quel silenzio fu piu' eloquente di
qualsiasi discorso. Non ci si poteva piu' fidare l'uno dell'altro, in
mezzo a noi c'era un traditore.
 - AMF accarezzo' delicatamente le orecchie finte di pelouche che aveva
applicato al suo Smartlink 1-2-3 onde poterlo spudoratamente spacciare
come l'orsacchiotto inseparabile amico d'infanzia.
S'intende,la coda era in realta' un cavetto seriale. Nel diabolico convento
ove i genirori l'avevano rinchiuso era ammesso portare un computer, ma
nessuno avrebbe mai tollerato la presenza di un modem.
Non si rese neppure conto dell'irruzione e fu gia' nelle mani della
squadra speciale anti-H/P del Network Divileader. Se la vita gli avesse
riservato ancora momenti liberi, li avrebbe impiegati sino all'ultimo
istante nel cercare di comprendere chi mai potesse averlo denunciato.
Lo stesso sguardo inespressivo e assente accompagno' quella che ormai
veniva definita "la partenza". Da quel momento in poi, nessuno di noi ne
avrebbe piu' saputo nulla.
"Due in due giorni",dissi "la Divileader deporta un hacker al giorno".
Sirio estrasse l'HP48-SX e si accinse a verificare il dato statistico.
La riunione improvvisata si sciolse in un pesante clima di sospetti,
davvero questi erano gli stessi amici di un tempo?
Nel cuore della notte mi telefono' Sirio:"Giusto", disse "Il tuo calcolo
era giusto". Gli spiegai gentilmente quale fosse il posto piu' adatto
per il suo apparecchio tascabile.
 - Il gruppo Divileader era nato qualche anno prima dalla fusione dei
perdenti storici degli anni '90. Prima tra tutti la SIP, che in 16 anni
di VDT non era riuscita a scovare neppure un hacker. Le statistiche
ufficiali parlavano di 210.346 hackers per ogni utente regolare.
Poi veniva la mitica Leader Distribuzioni, che dopo aver preso la grande
decisione di compilare una lista di tutti i pirati aveva dovuto rinunciare
all'impresa una volta conosciuto il numero esatto di crackers/spreaders
presenti nel Paese: 45 milioni circa.
Consiglio di Amministrazione: i Divina. Presidente era stato eletto Storm;
la candidatura di Saddam Hussein era stata rifiutata perche', come
risulto' dalla motivazione ufficiale, uomo dal cuore troppo tenero.
Cosi' quel gruppo di pseudo-pirati era passato dall'altra parte della
barricata, ed ora aveva il monopolio delle telecomunicazioni.
Non riuscivo proprio ad immaginare chi di noi avesse potuto decidere di
tradire la nostra giusta causa per contrabbandare informazioni a quella
gente, tuttavia non ci poteva essere altra spiegazione. Gli hackers veniva-
no arrestati perche' la Divileader sapeva, e la Divileader sapeva perche'
qualcuno degli stessi hackers informava segretamente il Network.
Nessuno era mai tornato per descriverci un campo di lavoro, non sapevamo
neppure quale fosse l'attivita' forzata a cui i prigionieri venivano
sottoposti.
 - Il dischetto del Jr-Comm frullo' leggermente ed il monitor visualizzo'
la familiare schermata nera del programma di comunicazione. Ore 20:00,
collegamento obbligatorio al Bulletin Board System della Divileader.
Una Banca Dati dalla capacita' virtualmente illimitata; nessuno era mai
riuscito a capire ne' l'ubicazione esatta del computer che gestiva il
sistema ne' la ragione di tale smisurata capacita' di archiviazione dati.
Da quando la liberta' di stampa era stata soppressa, il Network usava il
canale telematico come strumento di diffusione informazioni. Ogni famiglia
aveva un terminale con relativo modem. Ma le notizie di quella sera erano
davvero sconvolgenti: un neonato era diventato adulto in 24 ore, un bianco
si era risvegliato negro, donne divenute uomini, uomini divenuti donne,
Shock Waves rimasto ibrido come sempre...... ma cosa stava succedendo?
La genetica e la biologia in tutto il mondo cercava una risposta, ma la
stessa risposta era destinata ad apparire a me quella sera stessa.
Lo schermo si cancello' ed apparve sul video la piu' orribile spuria dai
tempi dei modem a 300bps senza correzione. Tuttavia quell'amorfo insieme
di caratteri ANSI aveva qualcosa di lontanamente familiare: il volto di
qualcuno. In quello stesso istante riconobbi quell'essere per Jettero
Heller, scomparso prematuramente alcuni anni prima. Sotto quel viso, una
luminosa scritta verde: "Sono tornato, downloadami!".
 -  Jettero stava lentamente cominciando a swarparsi all'interno del df1:
e la sua immagine inconsistente uscente dal drive inizio' lentamente a
farsi solida. "Jettero", gli chiesi con dolcezza "ma che casino hai
combinato lassu'???". Il giovane mi fisso' per qualce istante, poi
replico' giustificandosi: "C'era un grande archivio, e io volevo fare il
coysop. Cosi' quando il tizio vestito di bianco non guardava, ho editato
qualche cartella..... e guarda un po' dove mi hanno rispedito."
Sulle prime fui preso da notevoli dubbi: il timore di finire nella rete
della Divileader dopo tutto era molto reale, e nessuno conosceva fino in
fondo le loro capacita'. Fu Jettero stesso, pero',a fugare i miei sospetti:
"La prossima volta che fai un d/l", spiego',"metti il modem un metro sopra
la porta seriale, cosi' il percorso per i dati e' in discesa e la velocita'
di trasferimento aumenta!". Solo una persona al mondo avrebbe potuto dirlo.
Bentornato, Jettero!
di_nuovo_tra_noi.txt · Last modified: 4/03/2016 06:23 by lrosa